Xeriscaping: di necessità virtù - Federica Cornalba
Categorie

Xeriscaping: di necessità virtù

2016 JOURNAL 1003 C

20 Giu Xeriscaping: di necessità virtù

Con la primavera – estate, oramai – di quest’anno, sembra paradossale parlare di giardini che richiedono poca acqua. Eppure è una tendenza che fortunatamente si sta diffondendo sempre di più e che porta tantissimi benefici non solo al nostro ambiente: alzi la mano chi di voi non mai sognato di avere un bel giardino, ma ha dovuto rinunciare perché con tutte le cose che ci sono da fare, non rimane abbastanza tempo per prendersene cura!

Bene: vi assicuro che con lo XERISCAPING si può! E mentre si dà una mano all’ambiente consumando meno acqua, cresce anche la nostra autostima di provetti giardinieri con conseguente – e molto gradito – miglioramento dell’umore!

2016 JOURNAL 1006 C

Lo xeriscaping nasce a Denver, in Colorado, nel 1981 grazie alla lungimiranza della Denver Water – società di gestione e distribuzione dell’acqua potabile – ed è un metodo per creare e mantenere giardini razionalizzando l’uso dell’acqua necessaria per la loro cura. E’ molto diffuso in tutta la porzione occidentale degli Stati Uniti, laddove vi sono condizioni desertiche, o dove è necessario ridurre i consumi a causa del drastico calo delle riserve idriche (in California, per esempio). Ultimamente si sta registrando un’aumentata sensibilità a questo tipo di approccio anche in ambito europeo, soprattutto per quel che riguarda il verde pubblico, e i risultati sono decisamente apprezzabili.

Sicuramente penserete che un giardino o uno spazio verde realizzati seguendo questi principi non possano che essere tristi e miseri, invece possono addirittura diventare lussureggianti e colorati come quelli che siamo più abituati a vedere, ma con una marcia in più: la facilità della manutenzione.

2016 JOURNAL 1002 C

Sono infatti tantissimi gli alberi, gli arbusti e le erbacee che si prestano alla realizzazione di uno xeriscape: solo per fare degli esempi si possono citare le mie adorate graminacee ornamentali, gli elegantissimi Amaryllis Belladonna, gli Agapanthus, i tenaci sedum, e arbusti come il meraviglioso Cotinus coggigrya “Royal purple”.

2016 JOURNAL 1004 C

2016 JOURNAL 1008 C

2016 JOURNAL 1009 C

2016 JOURNAL 1005 C

In tutti i casi – ma proprio tutti – si tratta di piante che davvero sono a prova di “pollice nero”: resistono senza particolari problemi a condizioni più o meno estreme (attenzione: stiamo comunque parlando di esseri viventi, e in quanto tali, non devono essere ignorati!), e sono in grado di regalarci tante soddisfazioni. Penso, ad esempio, allo spettacolo degli eterei steli delle graminacee che si muovono nel vento, accostati alla carnosità di un sedum – magari rosso acceso – che occupa la parte più bassa del giardino o del contenitore.

Se uno xeriscape viene attentamente progettato, non ha nulla da invidiare ad un rigoglioso giardino tradizionale e può essere ugualmente accogliente, con un taglio fresco e contemporaneo.

2016 JOURNAL 1001 C

2016 JOURNAL 1007 C

Quali sono, allora, le regole da seguire perchè uno xeriscape possa esprimersi al meglio e funzionare correttamente? E’ sicuramente necessaria un’attenta progettazione che tenga conto degli aspetti formali e tecnici (come sempre, quando si pensa alla creazione di un giardino), ma ciascuno nel proprio piccolo potrebbe cominciare a sperimentare lo xeriscaping anche su un mini balcone. Qualche semplice trucco iniziale? Prima di tutto bisogna scegliere le piante adatte per il posto giusto (il mio consiglio è quello di iniziare con qualche graminacea ornamentale e dei sedum, che sono maggiormente versatili da questo punto di vista) e poi, per ridurre l’evaporazione dell’acqua utilizzata, si devono creare delle zone d’ombra o pacciamare le porzioni di terreno eccessivamente esposte (e chi già si cimenta con l’orto, questo lo sa!).

 

Vi lascio anche qualche riferimento interessante, sia per la scelta delle piante che per qualche indicazione in più sullo xeriscaping. Ovviamente io sono a disposizione per qualsiasi ulteriore domanda!

 

Vivaio Phytotrend – Sanremo | graminacee ornamentali

Floricoltura di Bonetto Claudio – Ciriè (To) | sedum

Azienda florovivaistica F.lli Leonelli – Castelletto Ticino (No) | erbacee perenni

Azienda Agricola Nifantani Liviana – Varallo Pombia (No) | arbusti

 

Denver Water | si può scaricare un’utilissima guida con i sette princìpi che stanno alla base dello xeriscaping

Water use it wisely | indicazioni sui principi del design di uno xeriscape, trucchi e guida alla scelta delle piante giuste (non preoccupatevi se parla solo di Arizona…molte piante vegetano benissimo anche nelle nostre zone!)

 

Photos: Federica Cornalba

No Comments

Post A Comment